Ricette

Radichio Rosso In Sao’r

Pulite accuratamente il radicchio, lavatelo, asciugatelo con una centrifuga manuale e tagliate ogni cespo a quarti

nel senso della lunghezza. Lavate e lasciate l’uva passa in ammollo in un po’ d’acqua tiepida per un’ora.

Sbucciate e affettate sottilmente le cipolle, quindi lasciatele appassire per alcuni minuti in un tegame con l’olio, mescolando con un cucchiaio di legno.

Merscolando aggujgete l’aceto e lo zucchero, l’uva passascolata e i pinoli.

Lasciate evaporare parte de liquido del soffritto, quindi mettete a cottura anche il radicchio e fate stufare a fuoco moderato, mescolando di tanto in tanto.

Prima di portare in tavola, aggiustate di sale ed insaporite.

Ingredienti per 4 persone:

8 cespi di radicchio rosso di Treviso

150 g di cipolle

40 g di uva passa

30 g di pinoli

½ bicchiere di aceto rosso

3 cucchiai d’olio e.v. d’oliva

1 cucchiaino di zucchero

sale

pepe in grani.

Polenta con l’aringa

Pulire le sarde, lavarle, asciugarle ed impanarle passandole prima nelle uova sbattute e poi nel pane grattuggiato.

Friggerle in olio per un paio dio minuti, scolarle ed eliminare il grasso di cottura; rimettere in padella mezzo bicchiere d’olio crudo, due bicchieri d’aceto preventivamente scaldato, lo zucchero, l’uvetta e i pinoli.

Portare a bollore per qualche minuto.

Allineare le sarde in un recipiente adatto e irrorare ogni strato con la marinata; l’ultimo strato deve risultare ben coperto.

Lasciare riposare la preparazione per 24 ore.

Ingredienti per persona:

due-tre aringhe

un bicchiere d’olio E.V. d’oliva

(le aringhe devono “nuotare” nell’olio!!)

2 fettine di polenta

aceto a piacere

Pasta e fagioli

Tenere a bagno i fagioli in acqua fredda per una notte.

Sbollentare le cotenne, raschiarle, tagliarle a pezzi e unirle alla cipolla affettata che si sarà rosolata con 2 cucchiai d’olio in una pentola capiente (preferibilmente di coccio). Unire le patate a pezzi, i fagioli scolati, 1,5 l d’acqua,

sale e pepe. Coprire e lasciar cuocere a fuoco lento per circa 2 ore.

Togliere una mestolata di fagioli e tenerli a parte insieme alle cotenne; passare il resto al setaccio e rimetterli nel brodo rimasto nella pentola.

Mescolare, aggiungere un po’ d’acqua, se del caso, e riportare a bollore.

Unire la pasta, le cotenne e i fagioli che si erano tenuti a parte.

Quando la pasta sara’ cotta al dente, togliere la pentola dal fuoco e lasciar riposare per qualche minuto.

Versare nelle fondine e servire con una “croce” d’olio E.V. d’oliva crudo e una macinata di pepe.

Ingredienti per 4 persone:

250 g di fagioli borlotti secchi

1 cipolla

2 patate

100 g di cotenne di maiale

6 cucchiai d’olio E.V. d’oliva

sale

Pepe

200 g di tagliatelle.

Pastissàda de cavàl (Pasticciata di cavallo)

Questo tipico piatto è uno stracotto di carne di cavallo molto appetitoso che risulterà migliore tanto piu’ se ne prolungherà la cottura.

Tritate finemente le verdure e soffriggetele in un tegame con olio e burro, quindi aggiungete la carne a pezzi e lasciatela rosolare per qualche minuto; unite il vino, le spezie, il sale e il pepe e proseguite la cottura a fuoco molto lento.

La pietanza sarà pronta quando la carne tenderà a disfarsi e le verdure saranno ridotte in purea.

Accompagnate in tavola con una buona polenta fumante non troppo soda.

Ingredienti per 4 persone:

1 Kg di polpa di puledro

1 Kg di cipolle

1 lt circa di vino rosso secco

3 carote

2 foglie d’alloro

4 chiodi di garofano

paprica

1 noce di burro

olio e.v. d’oliva

sale

pepe.

BIGOLI CON SARDE E OLIO EXTRAVERGINE

Ricette tipiche di Verona: i bigoli con le sarde
bigoli sono degli spaghettoni veneti fatti in casa. Sono protagonisti di diversi primi piatti tipici veronesi. Una delle ricette prevede un condimento a base di acciughe o sardine. Dunque, vediamo insieme come si preparano i bigoli con le sardèle (le sarde), detti anche bigoli in salsa.

Ingredienti per 4 persone

  • 400 grammi di bigoli (meglio se fatti a mano)
  • 1 bicchiere di olio di oliva
  • 6 sardine sotto sale o acciughe
  • 1 cipolla di medie dimensioni
  • pepe

Procedimento

  • Cuocete in acqua bollente e salata i bigoli
  • Pulite le acciughe o le sardine, eliminado il sale in eccesso sotto l’acqua e asportando testa e lische
  • Tagliate la cipolla a fettine sottili
  • In un pentolino, mettete a scaldare l’olio
  • Incorporate il pesce sminuzzata e la cipolla all’olio
  • Prima che la cipolla finisca di imbiondire, fermate la cottura versando nel pentolino un paio di cucchiai d’acqua o del vino
  • Lasciate che la salsa si cuocia lentamente
  • Quando la salsa si sarà amalgamata, scolate i bigoli, lasciando un po’ di acqua cottura
  • Unite i bigoli alla salsa, aggiungendo un po’ di acqua di cottura che permette di amalgamare meglio gli ingredienti
  • Servite i bigoli ben caldi e accompagnati da formaggio grattuggiato per chi lo preferisce

Risotto di Soave

Ricetta a cura di Gabriele Ferron:

Ingredienti

  • 400 g Riso Carnaroli
  • 800 ml di brodo di verdure e pollo
  • 80 g di soppressa di Brenton
  • 200 ml di Recioto di Soave Spumante
  • 100 gr di formaggio Monte Veronese mezzano
  • 1 cipollotto fresco
  • Burro q.b.
  • Olio di oliva extravergine di oliva q.b.
  • Erbe aromatiche: rosmarino, timo, erba cipollina, salvia, maggiorana, finocchietto selvatico

Come preparare il Riso di Soave

In una casseruola imbiondire con olio extravergine di oliva il cipollotto finemente tritato. Versare il riso tostandolo a fiamma moderata. Sfumare con 150 ml di Recioto di Soave Spumante,  aggiungere tutto in una volta il brodo bollente aggiustato di sale, rimestare, mettere il coperchio e porre la fiamma al minimo.

Nel frattempo, in una padella, spadellare la soppressa sminuzzata sfumando con il rimanente Recioto. A 3/4 di cottura unire al riso la soppressa, lasciar riposare ancora per qualche minuto, spegnere la fiamma, unire il formaggio grattuggiato, mantecare con una noce di burro e le erbe aromatiche tritate finemente a coltello. Se necessario, per maggiore cremosità, aggiungere ancora un pò di brodo bollente. Servire.

Per scaricare la ricetta originale, clicca QUI

 

Riso venere ai frutti di mare

Il riso nero ai frutti di mare è un primo piatto molto particolare, formato da un aromatico riso venere dall’elegante e naturale colore nero, arricchito con  cozze, vongole, gamberi e pomodorini.

Questo risotto può essere preparato in occasioni particolari, come un pranzo formale e importante, una romantica cenetta, o persino durante le feste Natalize. Rendendo così speciale la serata in compagnia dei vostri ospiti! Provate anche voi il riso venere ai frutti di mare e conquisterete davvero tutti!

Ingredienti

  • Riso nero Venere 320 g
  • Cozze 1 kg
  • Vongole 700 g
  • Gamberi code 8
  • Prezzemolo tritato 2 cucchiaini
  • Aglio 4 spicchi
  • Pepe nero q.b.
  • Olio di oliva extravergine 5 cucchiai
  • Pomodorini ciliegino 8

Come preparare il Riso venere ai frutti di mare

Per preparare il riso venere ai frutti di mare iniziate lessando il riso nero in acqua salata, portatelo a cottura e scolatelo lasciandolo molto al dente (1).
Nel frattempo, scegliete le cozze una ad una; lavatele, togliete la barbetta e grattate molto bene il guscio esternamente. Anche le vongole andranno scelte una ad una, lavate e lasciate spurgare con acqua e sale fino al momento dell’utilizzo.
In un tegame ponete due cucchiai di olio e uno spicchio di aglio che farete dorare (2); buttateci dentro le vongole (3), attendete fino a che non si apriranno, quindi spegnete il fuoco.

In un altro tegame piuttosto capiente, ponete le cozze, il prezzemolo tritato, 2 spicchi d’aglio spezzettati, un po’ di pepe e lasciate cuocere fino a che i molluschi non si dischiuderanno (4).
Sgusciate le code di gamberi (tranne 4 che utilizzerete per decorare i piatti) e tagliatele a pezzetti (5).Nel frattempo sgusciate le vongole e le cozze (lasciandone qualcuna intera per la decorazione dei piatti) e filtrate l’acqua di cottura di entrambe (6) che utilizzerete per insaporire il riso.

In un tegame antiaderente ponete 3 cucchiai di olio, uno spicchio d’aglio schiacciato e aggiungete i pomodorini tagliati in 4 parti (7): fateli cuocere per qualche minuto e poi aggiungete le code dei gamberi (8) e il riso nero (9).

Mescolate, aggiungete 2/3 cucchiai di acqua di cottura dei molluschi per insaporire e unite le cozze e vongole (10), il prezzemolo tritato (11) e il pepe. Amalgamate gli ingredienti e impiattate, decorando ogni piatto con una cozza intera, qualche vongola col guscio e una coda di gambero intera (12).

Pan brioche all’olio di oliva

 

Il pan brioche è una pasta leggera lievitata e semidolce che solitamente è preparata con uova, farina, burro e zucchero. Il nostro pan brioche all’olio di oliva si distingue dalla versione classica per l’utilizzo di un grasso vegetale, l’olio extravergine di oliva, a sostituzione del burro. Il risultato è un pane leggero e soffice che si presta perfettamente per ogni tipo di farcitura, sia dolce sia salata. Generalmente il pan brioche serve per la confezione di sandwich e di canapé guarniti con carni, pesce, pollo, formaggi e varie verdure. Durante la preparazione, molto semplice, bisogna prestare attenzione alla lievitazione che deve avvenire in un ambiente tiepido di circa 27-28 ⁰C. Se l’impasto dovesse risultare troppo duro, aumentate leggermente le dosi di latte e acqua e aggiungeteli a filo per rendere l’impasto più lavorabile. Una volta pronto si mantiene morbidissimo anche dopo alcuni giorni, basta conservarlo nei sacchetti per alimenti.

Ingredienti

  • Latte40 g
  • Acqua40 g
  • Farina manitoba125 g
  • Farina 00125 g
  • Miele1 cucchiaino
  • Lievito di birra5 g
  • Olio extravergine di oliva25 g
  • Uova2
  • Tuorlo1
  • Zucchero15 g
  • Sale5 g
  • Semi misti1 manciata

PREPARAZIONE PAN BRIOCHE ALL’OLIO DI OLIVA

  1. Preparate il lievitino: in una ciotola mescolate 30 g di latte, 30 g di acqua, 50 g di farina manitoba e 50 g di farina 00. Aggiungete il lievito e il miele e impastate fino ad ottenere un impasto liscio. Lasciate lievitare fino a quando l’impasto non sarà raddoppiato, occorreranno circa 40 minuti.
  2. Preparate ora l’impasto: mescolate 75 g di farina 00 con 75 g di farina manitoba, aggiungete 10 g di acqua e 10 g di latte, 25 g di olio extravergine di oliva, 15 g di zucchero, 5 g di sale, un uovo e il tuorlo. Amalgamate bene gli ingredienti fino a formare un impasto liscio e omogeneo.
  3. Prendete il lievitino, schiacciatelo bene e tiratelo con le mani, aggiungetelo all’impasto e lavoratelo finché i due impasti non saranno perfettamente amalgamati (non ci devono essere più striature bianche). Trasferite in una ciotola e lasciate lievitare l’impasto, ben coperto e a temperatura ambiente, fino a quando non sarà raddoppiato, occorreranno circa 2 ore.
  4. A lievitazione finita sgonfiate un poco la pasta con le mani e modellatela fino a ottenere un cilindro. Rivestite uno stampo da plum cake con carta forno, ungete leggermente e versateci l’impasto. Lasciate lievitare per 30-40 minuti circa ovvero fino a quando il pane avrà occupato interamente lo stampo. Spennellate con un po’ di uovo sbattuto e decorate a piacere con i semi che preferite.
  5. Infornate in forno già caldo a 220° per i primi 20 minuti e proseguite la cottura a 180/190° per altri 20 minuti. Se la superficie dovesse colorire troppo, coprite lo stampo con carta alluminio. Sfornate e lasciate raffreddare su una gratella prima di tagliarlo. Sfornate e lasciate raffreddare su una gratella prima di tagliarlo a fette.

Capesante marinate

La capasanta, detta anche ventaglio o conchiglia del pellegrino, è un mollusco bivalve dalla carne bianca tenera, con una parte arancione più cremosa. Apprezzate sia per la loro bontà che per l’apporto di sodio, sali minerali, calcio e omega3, sono un alimento particolarmente gustoso e leggero. Possono essere servite sia cotte che crude, come antipasto o come sugo per piatti più elaborati. Prima di consumarle è importante eliminare la parte filamentosa e quella scura. Le nostre capesante marinate sono un piatto delicato e fresco: vengono private della parte arancione che potrà essere conservata per altri utilizzi, si lasciano marinare in olio d’oliva e lime per qualche ora e sono poi condite con melograno, pomodorini e coriandolo fresco.

Ingredienti per 4 persone

  • Capesante20
  • Cipolle rosse1
  • Pomodori ciliegini18
  • Coriandolo1 ciuffo
  • Melagrane1
  • Olio extravergine di oliva4 cucchiai
  • SaleQuanto basta
  • PepeQuanto basta
  • Lime2

PREPARAZIONE CAPESANTE MARINATE

  1. Spremete i lime e mescolatene il succo con l’olio extravergine di oliva. Lavate, asciugate e tagliate a dadini le capesante e disponetele in un piatto. Cospargete con la marinata di lime e olio e riponete in frigorifero per un’ora.
  2. Sbucciate la melagrana. Lavate i pomodorini e tagliateli a metà. Sbucciate e affettate finemente la cipolla rossa. Lavate, asciugate e sfogliate il coriandolo, quindi pulitelo e tritatelo grossolanamente.
  3. Mescolate le capesante marinate, i pomodori, la melagrana, la cipolla in una ciotola capiente, quindi irrorate con la marinata e guarnite con il coriandolo tritato. Aggiustate di sale e pepe e suddividete nei piatti da portata